Movimento sistolico anteriore della valvola mitrale

Nella cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva, la valvola mitrale si comporta in modo anormale, producendo un fenomeno noto come movimento sistolico anteriore (SAM), che coinvolge entrambi i lembi valvolari. Il fenomeno può essere presente (con un'incidenza dell'11%)1 anche come complicanza post-operatoria nella ricostruzioni della mitrale.

Durante la sistole, la mitrale si muove in avanti fino a portarsi a contatto con il setto (mentre normalmente tra valvola e setto non vi è contatto), causando la mancata adesione dei margini liberi dei lembi (coaptazione), e dunque l’insufficienza della valvola, con possibile rigurgito mitralico in atrio sinistro, e l’ostruzione parziale all’efflusso del sangue verso l’aorta (outflow obstruction), instaurando un anomalo gradiente di pressione tra ventricolo sinistro e l’aorta.

Dal punto di vista semeiologico, la turbolenza indotta dall’ostruzione si manifesta con un soffio cardiaco, spesso rilevabile chiaramente all’auscultazione.

Sebbene il trattamento medico possa essere utilizzato per gestire il fenomeno, in alcune situazioni si rende necessario ricorrere alla chirurgia, per alleviare l'ostruzione aortica e l'insufficienza mitralica.

Riferimenti

  1. Kassem S, Othman M, Polvani G. Paradoxical Artificial Chords: New Technique to Prevent Systolic Anterior Motion Post Mitral Valve Reconstructions. J Clinic Experiment Cardiol 2011; S:3. DOI: 10.4172/2155-9880.S3-002.

→ Torna a Tecnica "paradossale" per trattare il SAM della mitrale nella miocardiopatia ipertrofica ostruttiva