News

Alimentazione e falsi miti

15 Ottobre Ott 2021 0000 one month ago
  • Monica Giroli

Non passa giorno senza che siano pubblicate notizie a proposito di ricerche che mettono in relazione il consumo di specifici alimenti con la salute cardiovascolare. Eppure alcuni false credenze sulla nutrizione restano e fioriscono fake news. E la confusione si moltiplica.

La Dottoressa Monica Giroli, Nutrizionista dell’Unità di Ricerca Prevenzione Aterosclerosi del Monzino, aiuta a fare chiarezza tra verità consolidate e falsi miti.

Partiamo dai carboidrati: a differenza di quanto spesso si sente, non vanno tolti dalla nostra dieta, soprattutto la pasta e il pane. Tali alimenti infatti sono alla base della nostra dieta mediterranea, che ormai è risaputo essere lo stile alimentare maggiormente protettivo per la salute (permette di ridurre il rischio di malattia cardiovascolare del 30%). È importante però sceglierli integrali perchè ricchi di fibre che proteggono il cuore e i vasi sanguigni.

Ciò che va ridotto piuttosto è il sale, perché favorisce l’innalzamento della pressione arteriosa, e il consumo di grassi saturi perché determinano l’aumento del colesterolo LDL. Non dimentichiamo che ipertensione e ipercolesterolemia sono fattori di rischio importantissimi per eventi cardiaci e vascolari.

Il cioccolato fa bene, ma fondente e poco: non più di due quadratini al giorno. Anche l’olio extravergine fa bene, ma non per questo bisogna esagerare.

Lo stesso vale per la frutta secca, che sembra avere uno speciale valore protettivo nei confronti delle malattie cardiovascolari ma è molto calorica quindi è fondamentale limitare le quantità.

Per maggiori informazioni e fare ulteriore chiarezza su quali alimenti possiamo davvero considerare alleati della salute del nostro cuore, è disponibile di seguito l’intervista della Dott.ssa Giroli a Medicina e Informazione.

L’intervista passa in rassegna gli alimenti più dibattuti:

  • zuccheri (semplici e derivanti dai carboidrati)
  • olio di palma
  • olio extravergine d'oliva
  • cioccolato
  • latte
  • yogurt e probiotici
  • sale
  • vino rosso
  • frutta secca
  • caffé

Guarda l'intervista di Medicina e Informazione: