News

Arriva al Monzino la TAC cardiaca più avanzata al mondo

Grazie all’intelligenza artificiale ottiene il massimo di precisione con il minimo di radiazioni

7 Febbraio Feb 2022 0000 3 months ago

Il Centro Cardiologico Monzino è il primo ospedale in Italia e fra i pochi Europa a mettere a disposizione dei suoi pazienti la TAC Revolution Apex, la TAC cardiaca più avanzata al mondo, in grado di elaborare una ricostruzione dettagliata del cuore, con la minima radioesposizione possibile. Si tratta di una della prime applicazioni dell’intelligenza artificiale all’imaging cardiovascolare creando un algoritmo specifico per ogni paziente.

Approfondiamo il tema con il dott. Gianluca Pontone, Direttore del Dipartimento di Cardiologia peri-operatoria e Imaging cardiovascolare.

«La TAC cardiaca nasce dall’idea di poter studiare le coronarie senza ricorrere a esami invasivi non necessari. I risultati che abbiamo sin ora ottenuto in termini di accuratezza sono ottimi e i vantaggi per i pazienti molto evidenti. La scansione TAC, tuttavia, presuppone sempre l’uso di radiazioni, per cui il nostro impegno negli ultimi anni si è concentrato sul trovare il modo di ridurre la radioesposizione senza ridurre l’accuratezza e la precisione dell’esame. Oggi l’intelligenza artificiale ci ha offerto la soluzione.»

I vantaggi

Il principio generale di queste nuove apparecchiature è che applicano algoritmi di ricostruzioni delle immagini che non sono standard e uguali per tutti i pazienti, ma individualizzati per quello specifico esame e per quello specifico paziente. In altre parole una sorta abito cucito su misura. Oltre alla riduzione della radioesposizione, le implementazioni tecnologiche in questa direzione hanno anche il grosso vantaggio di andare a ridurre sempre di più la tendenza alla sovrastima della patologia coronarica in presenza di calcificazioni che da sempre è stato il tallone di Achille delle prime generazioni di TAC cardiache messe a disposizione in cardiologia. Questo perché, grazie agli algoritmi di intelligenza artificiale, è possibile attenuare quell’effetto blooming, ovvero la penombra che circonda la placca calcifica, che talvolta può essere responsabile di casi di falsi positivi.

La nuova Risonanza Magnetica

Gli algoritmi di machine learning sono alla base anche della nuova Risonanza Magnetica installata nel Dipartimento guidato dal dott. Pontone, insieme alla nuova TAC.

«Mentre la TAC cardiaca è già diffusa e siamo sicuri che la tecnologia Apex diventerà lo standard, la Risonanza Magnetica cardiaca, nonostante le robuste evidenze di indicazioni cliniche, rimane ancora una tecnica sottoutilizzata nell’imaging cardiovascolare. Al Monzino siamo in controtendenza, in quanto, facilitati dal modello monospecialistico che caratterizza il nostro centro, abbiamo da poco potenziato il parco macchine con due scanner di RM cardiaca completamente dedicati al cardiovascolare. Tale disponibilità è importante perché non solo rende possibile un potenziamento da un punto di vista diagnostico, ma consente di accelerare sul fronte dell’emergente campo delle procedure intervenzionali RM-guidate quindi più rapide e senza radiazioni ionizzanti. Con l’acquisizione delle due nuove macchine TAC e Risonanza magnetica, il Dipartimento di Cardiologia peri-operatoria e Imaging cardiovascolare si posiziona fra i top player internazionali.»

Cardiologia e imaging al Monzino: un approccio integrato

«Al Monzino abbiamo creato un dipartimento di cardiologia e di imaging dedicato, con competenze diagnostiche e cliniche integrate in un unico modello. Da noi lavorano specialisti in cardiologia e radiologia in équipe integrate, personale con doppia specializzazione in cardiologia e radiologia, oltre a bioinformatici e bioingegneri. Per questo siamo pionieri nelle nuove tecnologie di imaging, che ci impegniamo a diffondere in Italia attraverso un’intensa attività formativa» – conclude il dott. Pontone.