TACHICARDIE VENTRICOLARI: LA RADIOABLAZIONE PUO’ SALVARE LA VITA

Pubblicati i risultati sull’efficacia della radioterapia stereotassica nel trattamento delle aritmie più gravi.

11 Novembre Nov 2021 27 days ago
  • Barbara Jereczek

La radioterapia stereotassica applicata alle tachicardie ventricolari (Radioablazione) rappresenta una nuova possibilità di cura sicura ed efficace: lo confermano i risultati preliminari dello studio STRA-MI-VT (STereotactic RadioAblation by Multimodal Imaging for Ventricular Tachycardia), promosso da Centro Cardiologico Monzino e Istituto Europeo di Oncologia, appena pubblicati su Journal of Interventional Cardiac Electrophysiology.

STRA-MI-VT è il primo studio sperimentale prospettico in Europa che misura scientificamente l’efficacia e la sicurezza della radioablazione, una tecnica sperimentata in pochi centri al mondo, valutando anche gli effetti della tecnica sulla mortalità globale. I dati riguardano i primi 8 pazienti arruolati, che non rispondevano alle terapie convenzionali, nei quali il trattamento ha ottenuto un “effetto rinascita”: drastica riduzione degli episodi aritmici e miglioramento della qualità di vita, senza effetti collaterali significativi.


Pubblicazione: "Stereotactic radioablation for the treatment of ventricular tachycardia: preliminary data and insights from the STRA-MI-VT phase Ib/II study"

DOI: 10.1007/s10840-021-01060-5


Per maggiori informazioni, il comunicato stampa è disponibile nell'allegato di seguito.

Allegati