News

Sport e cuore. Quali campanelli d’allarme per chi fa attività fisica?

11 Giugno Giu 2019 0000 14 days ago

Il prof. Claudio Tondo, Coordinatore Area Aritmologia e Responsabile Monzino Sport, spiega quali sono i controlli specifici e continuativi indicati per chi pratica sport abitualmente.


L’attività sportiva è un elemento essenziale nella vita di ciascuno di noi. Quindi essa dev'essere praticata anche e soprattutto per mantenere l’apparato cardiovascolare in salute.

Però occorre farlo con prudenza. Anche i soggetti abituati a fare attività fisica e sportiva non agonistica debbono fare attenzione e sottoporsi a controlli specifici e continuativi, soprattutto quando ci sono alcune spie come il cardiopalmo, la mancanza di fiato o il semplice rendersi conto che non riusciamo più a compiere il medesimo esercizio fisico come lo facevamo in passato. In questi casi i controlli sono essenziali e devono essere continuati. Anche per l’impatto sociale che queste complicazioni possono avere.

Al Monzino sono disponibili già da tempo servizi di secondo e di terzo livello dedicati alla cardiologia dello sport. Questo ha permesso al Centro di conseguire un’esperienza unica in Italia, che ha messo a disposizione, insieme alla sua tecnologia d’avanguardia e alle sue conoscenze scientifiche, di tutti gli sportivi, agonisti e amatoriali, e dei loro medici.

Claudio Tondo

Sostieni la Ricerca Sanitaria del Centro Cardiologico Monzino IRCCS