Progetto Angola: l’impegno del Monzino per la sanità dell’Africa centrale

15 Giugno Giu 2023 8 months ago

Il Professor Gianluca Polvani, direttore della Cardiochirurgia del Centro Cardiologico Monzino, ha di recente partecipato alla Cena di Stato per il Presidente dell’Angola João Lourenço organizzata al Quirinale, come referente del Progetto Angola, che vede il Monzino come partner di Azule Energy, società di ENI e BP, per lo sviluppo del Complesso Ospedaliero Cardinale Dom Alexandre do Nascimento di Luanda.

A seguito dell’intesa sottoscritta con il Ministero della Salute angolano, il Monzino realizzerà un programma di “Capacity Building” (sviluppo ed incremento delle capacità) con l’obiettivo di migliorare la qualità e l’accessibilità alle cure delle patologie cardiache per l’intera popolazione angolana. In Angola la patologia cardiaca in tutte le sue forme sia congenite che acquisite, rappresenta una delle tre cause maggiori di mortalità e la popolazione giovanile, che rappresenta quasi il 67 % della popolazione, è quella maggiormente colpita riducendone quindi l’aspettativa di vita. Il Monzino si farà carico da un lato del training-on-the job di medici e infermieri angolani, che lavoreranno in sala operatoria fianco a fianco degli specialisti Monzino, dall’altro della gestione organizzativa dei servizi per ottimizzare le cure, come la pianificazione delle procedure cliniche e il supporto alla direzione generale.

«E’ un grande onore, un grande riconoscimento e anche una grande emozione stringere la mano al Presidente Mattarella e al Presidente Lourenço – ha dichiarato Polvani - Il progetto Angola non è soltanto un progetto sanitario, ma un grande progetto umanitario di cui beneficerà non solo l’Angola ma tutto il continente centroafricano. Il Monzino aiuterà a salvare vite, ma soprattutto insegnerà ai medici e a tutto il personale locale le competenze necessarie per una cardiologia ai massimi standard qualitativi, dando loro la possibilità di salvare a loro volta altre vite. L’ospedale Dom Alexandre do Nascimento è una struttura interamente angolana, che diverrà centro di eccellenza cardiologico e cardiochirurgico di riferimento per tutto il continente centroafricano”.

Durante le prime missioni a Luanda, iniziate nel mese di ottobre del 2022, i medici del Monzino in costante supporto alle differenti equipe angolane (cardiochirurgia, anestesia, cardiologia, imaging cardiovascolare) hanno permesso la realizzazione in sicurezza di oltre 300 procedure clinico/chirurgiche con ottimi risultati clinici. L’obiettivo è incrementare annualmente tutte le attività cliniche introducendo il concetto fondamentale del lavoro secondo procedure ben codificate come da linee guida internazionali.

Nello scorso mese di maggio inoltre è stata organizzata, sotto il coordinamento dell’equipe del Monzino, una settimana di screening ecografico gratuito a beneficio della popolazione angolana nella quale sono state eseguite oltre 200 ecografie, delle quali circa il 15% ha rilevato patologie con indicazione chirurgica e un altro 40% ha individuato patologie valvolari meritevoli di attento follow up.

Infine, durante questi primi mesi di attività del 2023 sono state erogate quasi 5.000 ore di formazione a beneficio del personale sanitario Angolano in modalità miste (formazione sul campo, lezioni in aula, corsi BLS ed esercitazioni pratiche). Alcuni rappresentanti dello staff infermieristico Angolano hanno potuto inoltre partecipare ad un primo periodo formativo della durata di 3 settimane presso il Monzino.

Allegati