Unità di Diabetologia, Endocrinologia e Malattie Metaboliche

Responsabile

Stefano Genovese

L’attività di ricerca dell’Unità si concretizza in sperimentazioni cliniche autonome e sponsorizzate, realizzate in collaborazione con l’Ufficio Trial clinici del Monzino e con le Aree cliniche dell'Istituto. L'Unità ha anche attivato una serie di collaborazioni con le Unità di Ricerca del Monzino per condurre studi gestiti da infermieri e psicologi sugli aspetti psico-sociali del diabete.

Un'importante collaborazione è stata, inoltre, avviata con il Dipartimento di Malattie Cardiovascolari, Dismetaboliche e Invecchiamento dell'Istituto Superiore di Sanità (ISS) incentrato sullo studio del diabete, delle malattie cardiovascolari e dei relativi fattori di rischio. L’ISS e il Monzino condivideranno i dati raccolti, in particolare quelli del Progetto CUORE, e svolgeranno analisi statistiche dettagliate per:

  • valutare gli aspetti dello stile di vita nei pazienti diabetici e l’associazione con altri fattori di rischio clinici e socio-economici;
  • valutare il ruolo del glucosio a digiuno per la previsione del rischio cardiovascolare nella popolazione generale;
  • implementare studi caso-controllo nidificati, utilizzando dati biologici e campioni disponibili per proposte di progetto in ambito di salute pubblica;
  • realizzare progetti comuni per l'implementazione di strategie funzionali alla prevenzione del diabete e delle sue complicanze e, più in generale, delle malattie croniche a livello di popolazione;
  • attivare servizi di prevenzione primaria finalizzati a rallentare, evitare o rinviare l’esordio di malattia in soggetti con disglicemia e pre-ipertensione, migliorando gli stili di vita e in particolare l'attività fisica;
  • disseminare informazioni sulla disglicemia e sul diabete e sulla promozione della prevenzione attraverso stili di vita sani, indicati nella missione del Dipartimento di malattie cardiovascolari, dismetaboliche e di invecchiamento dell'ISS.

Clinical Trials

Effetti dell’inibitore della dipeptidil peptidasi-4 (DPP-4), linagliptin, sulla disfunzione miocardica ventricolare sinistra in pazienti con diabete di tipo 2 e geometria ventricolare sinistra concentrica (DYDA2-trial)

Lo scopo dello studio è quello di raccogliere informazioni sull'efficacia e la sicurezza di linagliptin, somministrato come terapia aggiuntiva ai pazienti con diabete mellito con disfunzione sistolica ventricolare sinistra asintomatica.

Progetti

  • Selezione di soggetti a basso rischio cardiovascolare: sviluppo di un algoritmo di pre-screening poco costoso, utilizzando solo misure non di laboratorio. SKIM risk Study

    In caso di successo, il progetto costituirà la base razionale per programmi di prevenzione futuri ed economicamente efficaci da attuare a livello nazionale.

    Impatto della terapia sugli esiti ospedalieri nei pazienti diabetici ricoverati per infarto miocardico acuto

    Il progetto mira a valutare la possibile associazione tra vari tipi di farmaci ipoglicemizzanti, l'esito clinico a breve termine e l'estensione dell'area infartuata in una coorte di pazienti diabetici con IMA.

    Effetti di analoghi dell’incretina sulla funzione delle cellule staminali CD34 dei pazienti diabetici

    Scopo dello studio è di valutare gli effetti del liraglutide, un inibitore selettivo della dipeptidil peptidasi-4 (DPP-4), su cellule staminali CD34+ disfunzionali e di descrivere i meccanismi alla base della capacità di ripristinare o migliorare il loro potenziale rigenerativo.

    Il ruolo delle PCSK9 nella modulazione della funzione piastrinica

    L'obiettivo principale del progetto è quello di studiare il ruolo delle PCSK9, un enzima coinvolto nel metabolismo delle LDL, nella funzione piastrinica definendo i meccanismi alla base del miglioramento della reattività piastrinica osservata in soggetti sani e valutando se PCSK9 può contribuire all'iperreattività del paziente diabetico noto.

migliori pubblicazioni negli ultimi 3 anni

Staff

  • Maurizio Rondinelli, MD

    Roberto Manfrini, MD

    Catia Trudu, Nurse

    Carmen Cinieri, Nurse