Unità per lo studio della morfologia e della funzione arteriosa

Responsabile

Damiano Baldassarre
Baldassarre

L’Unità svolge studi multidisciplinari per promuovere la comprensione e la prevenzione delle malattie cardiovascolari attraverso studi in coorti e di popolazione. L’Unità è impegnata in una serie di progetti volti allo studio della patologia aterosclerotica in tutti i suoi aspetti, compresi quelli relativi alle fasi precoci della malattia. In particolare, l’attività di ricerca è focalizzata su diversi temi quali lo screening e predizione del rischio cardiovascolare, lo sviluppo di nuovi biomarcatori di malattia e la ricerca traslazionale attuata attraverso l’utilizzo di tecniche di imaging vascolare.

L'obiettivo generale è caratterizzare i fattori di rischio per la malattia cardiovascolare distintivi in diverse popolazioni europee al fine di porre le basi per nuovi programmi di prevenzione primaria e secondaria; sviluppare e validare nuovi approcci costo-efficacia volti a migliorare la previsione e la prevenzione degli eventi cardiovascolari; identificare e caratterizzare fattori di rischio cardiovascolari legati all’ambiente e allo stile di vita quali il fumo di sigaretta, la dieta, la professione, l’attività fisica ecc., e di valutarne eventuali interazioni con genetica, genomica e transcriptomica nella determinazione delle malattie cardiovascolari. Molti dei risultati ottenuti emergono da una collaborazione con un consorzio europeo che, attraverso la condivisione e l'analisi di dati prospettici individuali raccolti in 7 coorti con sede in 5 paesi europei, sta attivamente collaborando per identificare e validare nuovi algoritmi per la previsione del rischio così come numerosi biomarcatori clinici, genetici, epigenetici e biochimici emergenti.< La ricerca di base e sperimentale è volta:

  1. all’identificazioni di nuovi fattori di rischio per aterosclerosi;
  2. alla messa a punto di strumenti innovativi per lo studio dell'aterosclerosi;
  3. alla messa a punto di algoritmi innovativi volti a migliorare la stima del rischio cardiovascolare globale;
  4. a studi di progressione della patologia aterosclerotica carotidea;
  5. alla valutazione degli effetti di trattamenti farmacologici sulle proprietà morfologiche e funzionali delle arterie superficiali;a
  6. alla messa a punto di nuovi modelli matematici e algoritmi per l’analisi dell’immagine con particolare riferimento ai Sistemi Artificiali Adattivi.

La ricerca applicata è invece volta a produrre nuove conoscenze nell’ambito dell’imaging vascolare e alla realizzazione di know-how potenzialmente brevettabili e sfruttabili dal mondo industriale. Ultimo, ma non ultimo la ricerca traslazionale si esplica attraverso studi volti a portare nella normale pratica clinica le scoperte più innovative derivanti dagli studi clinici ed epidemiologici effettuati.

Metodi di indagine

Valutazione delle alterazioni morfologiche e funzionali delle arterie superficiali (carotidi, femorali, brachiali) mediante tecniche diagnostiche non invasive quali ad esempio l’ultrasonografia B-mode con sonde ad alta risoluzione e la flussimetria laser Doppler. La misurazione delle immagini acquisite è effettuata con tecnologie di ultima generazione anche basate su sistemi di analisi delle immagini innovativi quali Reti Neurali Artificiali ed Algoritmi Evolutivi.

Collaborazioni internazionali

L'Unità; agisce o ha agito come centro coordinatore e laboratorio centrale per la misurazione di immagini ecografiche in diversi studi multicentrici nazionali e internazionali sull'epidemiologia della patologia aterosclerotica.

migliori pubblicazioni negli ultimi 3 anni

Staff

  • Mauro Amato, Ph.D

    Daniela Coggi, MSc

    Beatrice Frigerio, Ph.D

    Alessio Ravani, MSc

    Daniela Sansaro, MSc