Il cuore va in tilt di notte

La Repubblica

21 Agosto Ago 2018 3 months ago

É noto ormai che la sindrome delle apnee notturne rappresenta un fattore di rischio per la fibbrillazione atriale. Ma anche i microrisvegli alterano la frequenza cardiaca e creano una condizione di disagio. Repubblica ne parla con il professor Claudio Tondo, coordinatore dell'Aritmologia del Centro Cardiologico Monzino.

Allegati