News

Qual è il ruolo della medicina di genere nella cardiologia interventistica?

A Milano, dopo l'emergenza COVID-19, un Convegno per applicare nella donna i principi e le procedure dell’evidence based practice.

21 Febbraio Feb 2020 0000 one month ago

Si sarebbe dovuto tenere il 20 marzo 2020, presso il Four Points by Sheraton Milan Center in via Cardano 1. L'emergenza Covid19 ha imposto agli organizzatori di rinviarlo a data da destinarsi. Ma, assicurano, il convegno si terrà, questo è certo. Sì perché si tratterà di un importante e per certi versi “rivoluzionario” evento scientifico dedicato alla medicina di genere, promosso dalla Società italiana di Cardiologia interventistica (GISE) e da Women As One, un database online di donne di talento in medicina che consente alle partecipanti di connettersi direttamente con le colleghe di tutto il mondo e accrescere così le proprie opportunità professionali.

Titolo del convegno, che è anche un corso ECM (è prevista l’attribuzione di 6 crediti): Scenari clinici complessi in cardiologia interventistica: qual è il ruolo della medicina di genere?

Obiettivo: applicare nella pratica quotidiana cardiologica della donna i principi e le procedure dell’evidence based practice. Il che non è scontato, come si renderà senza dubbio conto chi vi parteciperà.

Con la coordinazione scientifica di Giuseppe Tarantini e di Giovanni Esposito, con la partecipazione nella segreteria scientifica di Daniela Trabattoni, Responsabile del Monzino Women e della UO Cardiologia Interventistica 3 del Monzino, l’evento vedrà la partecipazione di esperte del calibro di Marie Claude Morice, – direttore generale del CERC (European Cardiovascular Research Center), – e Yolande Appelman – cardiologa di Amsterdam, componente del Women Committee della EAPCI (European Association of Percutaneous Cardiovascular Interventions), – tutte leader riconosciute a livello internazionale nella cura e nella ricerca cardiovascolare con forte impronta “di genere”.

La giornata sarà finalizzata non soltanto agli aspetti della cardiologia interventistica, ma anche a vedere quanto le donne medico siano coinvolte in attività pratiche interventistiche, in attività di ricerca e anche nella possibilità di accesso alle posizioni apicali.

L’evento si avvale del patrocinio del Ministero della Salute e cercherà di far luce sugli aspetti tecnici e clinici della gestione delle patologie coronariche e valvolari nella donna, per rispondere alla domanda: a parità di dispositivi, quali sono le manifestazioni, le possibili complicanze e gli aspetti peculiari al genere femminile che devono essere valutati per l’approccio al trattamento.

Uno dei numerosi motivi di interesse dell’evento è costituito dal forte impianto clinico-pratico: tutte le tematiche saranno trattate attraverso sessioni di casi clinici accompagnati da letture introduttive e analitiche. A breve, sarà disponibile il programma aggiornato, con le nuove date e i nuovi riferimenti per iscriversi.

L’iscrizione è gratuita, ma obbligatoria e sarà accettata fino all’esaurimento dei posti disponibili.


MONZINO WOMEN: IL MONZINO PER LA MEDICINA DI GENERE

→ Vai al Monzino Women

Monzino Women è un progetto nato espressamente per affrontare in modo completo il problema della malattia cardiovascolare femminile e valuta il rischio cardiaco individuale di ogni donna, avvalendosi di una équipe multidisciplinare, comprendente medici, infermiere, dietologo, tecnici medici e psicologi.

Il Centro è dedicato alle donne di età compresa tra i 35 e i 60 anni, che non abbiano ancora sviluppato sintomi di malattia, ma presentano fattori che aumentano il loro rischio cardiovascolare, per esempio familiarità, stili di vita scorretti come fumo e alcol, obesità, diabete o ipertensione in gravidanza.