News

Premio ehealth4all 2019: quest’anno vince la prevenzione ambientale indoor

19 Giugno Giu 2019 0000 29 days ago
  • Alfredo Pascali, Gianluca Polvani

Vince una soluzione tecnologica che misura i livelli di inquinamento indoor su una molteplicità di sostanze presenti nell’aria.


Il primo premio dell’edizione 2019 del Premio eHealth4all per il miglior progetto informatico italiano dedicato alla prevenzione se l’è aggiudicato “Nuvap”, una soluzione tecnologica per misurare i livelli di concentrazione indoor di numerosi inquinanti presenti nell’aria domestica.

La cerimonia di premiazione si è svolta il 6 giugno scorso, in occasione del convegno Prevenzione 4.0 – un salto di qualità. Applicazioni digitali per migliorare la prevenzione in Sanità, che si è tenuto in Assolombarda a Milano. La valutazione è stata attribuita per l’originalità dell’approccio alla prevenzione e l’esistenza di un solido impianto di misura, secondo il parere insindacabile di un comitato scientifico, composto da economisti, medici, informatici ed esperti di comunicazione, di cui fa parte il Prof. Gianluca Polvani, Responsabile UO Cardiochirurgia e Sviluppo iniziative e del Servizio di Telemedicina del Centro Cardiologico Monzino.

Secondo premio è andato all’App “Sanità a Km Zero”, soluzione mobile di un consorzio della Regione Veneto, che consente al cittadino di ricevere la ricetta del medico di famiglia sul proprio smartphone, potendo recarsi con essa direttamente in farmacia senza passare per lo studio del medico.

Al terzo posto, “PD Watch”, una App per monitorare a domicilio lo stato dei pazienti affetti da morbo di Parkinson a partire dal tremore e di trasmettere i parametri biofisici ai medici curanti.

“Ri.car.do”, programma per la tele-riabilitazione cardiologica domiciliare dopo esiti di chirurgia cardiovascolare, scompenso, trapianto cardiaco e cardiopatie con comorbilità, sperimentato in una struttura in Emilia Romagna, ha infine ottenuto il premio speciale di Digital Health Summit per il miglior “contributo alla visione di Sistema sanitario italiano orientato alla Value Based Healthcare”.

Tra gli altri progetti presentati all’edizione 2019 di Ehealth4all, ma che non hanno ottenuto premi, una menzione a parte merita “Miracle”, uno specchio intelligente, che rileva battito cardiaco, saturazione di ossigeno e altri parametri elaborando l’immagine del volto dell’utente: anche se suona un po’ assillante, in determinate condizioni potrebbe rivelarsi molto utile e ricorda il vecchio detto secondo il quale un buon medico è in grado di porre la diagnosi semplicemente guardando in faccia il suo paziente.