News

Nuovo CDA del Gruppo IEO-Monzino

Rinnovati i vertici del Gruppo, che rappresenta un’eccellenza Italiana assoluta nel campo della medicina e della ricerca. Carlo Cimbri nuovo Presidente.

2 Luglio Lug 2018 0000 3 months ago
  • Barbara Cossetto, Alfredo Pascali

L’Assemblea dei Soci del Gruppo IEO-Monzino ha di recente approvato il bilancio consolidato 2017 – che esprime i risultati della gestione dell’Istituto Europeo di Oncologia e del Centro Cardiologico Monzino, – e ha rinnovato il Consiglio di Amministrazione giunto al termine del mandato triennale.

I vertici del nuovo CDA

  • Carlo Cimbri, nuovo Presidente
  • Dr. Carlo Buora, Vicepresidente IEO e Presidente Monzino
  • Ing. Mauro Melis, Amministratore Delegato

Nel 2017 il Gruppo registra ricavi in crescita a circa € 333 mln e, al netto di costi one-off, la marginalità risulta in linea con il precedente esercizio, in un ambito sanitario che richiede costanti investimenti sia nell’attività clinica sia nella ricerca e il potenziamento dell’offerta di servizi, a fronte di una domanda crescente. L’Utile Netto è pari a €6 mln, integralmente destinato a reinvestimento in Ricerca e Sviluppo. Gli investimenti sono stati pari a circa €15 mln ed i costi spesati per la Ricerca pari a circa €45 mln. Il Budget 2018 prevede investimenti crescenti sia nella gestione ordinaria sia nei progetti di sviluppo.

IEO si conferma tra i primi cancer centers a livello europeo e il primo ospedale in Italia per la cura dei tre tumori più diffusi: seno, polmone, prostata. Il Centro Cardiologico Monzino si conferma ai vertici dei centri italiani ed europei specializzati in medicina cardiovascolare, alla pari dei centri più prestigiosi al mondo, per qualità e risultati, paragonabile all'Albert Einstein College of Medicine di New York e alla New York University, due dei principali centri negli Stati Uniti.

È un grande onore poter contribuire alla tutela e allo sviluppo di un’eccellenza Italiana assoluta nel campo della medicina e della ricerca. Un patrimonio di professionalità, di conoscenze e capacità che, con il supporto di una compagine azionaria che ne condivide le finalità no profit, potrà porsi traguardi sempre più ambiziosi a tutela della salute e della ricerca.

Carlo Cimbri