News

La prevenzione digitale alla ribalta al Premio ehealth4all 2018

il comitato scientifico del Premio ha selezionato le iniziative che meglio hanno risposto al tema di quest'anno: "Prevenzione 4.0 – tecnologie e soluzioni per la salute di oggi e di domani".

21 Maggio Mag 2018 0000 6 months ago
  • Barbara Cossetto, Alfredo Pascali

Sono stati presentati a Roma, in Campidoglio, i dieci progetti “smart” finalisti del Premio eHealth4all 2018-2019, che passeranno quindi alla fase successiva per l’individuazione di un vincitore entro la primavera del 2019. Sono tutti progetti centrati su un valore aggiunto tecnologico superiore a quello richiesto in passato.

"I 25 progetti che erano entrati nella rosa dei finalisti, – spiega Ornella Fouillouze, Vicepresidente CDTI Milano e ideatrice della manifestazione, – rappresentano tutta l'Italia. Dieci partecipanti vengono dalla Lombardia, 4 dalla Puglia, 3 dal Lazio, 2 dal Trentino e con un progetto a testa hanno, “virtualmente” o anche attivamente, partecipato Liguria, Basilicata, Campania, Toscana e Veneto".

Il premio eHealth4all è nato dall'iniziativa del Gruppo di lavoro Sanità del Club TI di Milano, cui si sono aggiunti negli anni anche le Associazioni AUSED e AICA e alcuni soci delle Associazioni Partner e professionisti esperti del mondo della Sanità.

Ecco i 10 progetti selezionati

App sanità a km zero

Sanità km zero permette di gestire le ricette farmaceutiche da smartphone grazie al fascicolo sanitario elettronico regionale. Consente di ritirare i farmaci senza promemoria cartaceo. Non solo. Attraverso l’app, inoltre, è possibile richiedere il rinnovo di una prescrizione al medico, con conseguente risparmio di tempo e risorse. Infine l’app costruisce nel tempo un archivio dei farmaci acquistati. Sanità km zero è frutto di un lavoro di co-progettazione che ha coinvolto cittadini, professionisti e Università.

Avanchair

AvanChair è un progetto che punta alla realizzazione di una sedia a rotelle ad alto contenuto tecnologico. Sarà in grado di agevolare il trasferimento dell’utente dalla sedia ad altre superfici. Nonché a consentire un miglior superamento dei più comuni ostacoli. La tecnologia Ict in dotazione consente di implementare e di interfacciare diverse tecnologie, permettendo così una maggior autonomia della persona.

Giava

Il sistema Giava soddisfa l’esigenza di governo della prevenzione vaccinale in linea con il calendario vaccinale della Regione Puglia. L’anagrafe vaccinale informatizzata è una realtà consolidata. Semplifica la gestione dei processi anche per i nuovi obblighi vaccinali e gli adempimenti connessi alla frequenza scolastica. Il progetto evolve prevedendo nuove funzionalità quale l’integrazione con Mmg/Pls, scuole e farmacie. Il tutto per il coinvolgimento attivo del cittadino. Nello specifico agenda appuntamenti, libretto vaccinale digitale, informazioni e campagne informative/educative digitali.

Human life cycle management

Il cittadino chiede assistenza quando ha un problema di salute. Nel buio informativo che precede questa fase si perdono molte occasioni per stare meglio e prevenire. Hlcm fornisce una soluzione di population health management a supporto della prevenzione. Dalla pre-primaria alla terziaria. Un sistema paziente-centrico in Cloud che utilizza i principi di interoperabilità e tecnologie di workflow management per supportare la continuità assistenziale del cittadino.

Life charger

LifeCharger ha l’obiettivo di aiutare le persone ad essere aderenti alle proprie terapie. Raccoglie al tempo stesso informazioni utili al medico per una corretta valutazione dell’efficacia delle cure. Con LifeCharger, il paziente cronico registra tutto il processo terapeutico e condivide le informazioni con caregiver e medici.

Miracle

Il progetto Miracle propone uno specchio intelligente che rileva parametri vitali elaborando l’immagine del volto mediante tecniche di fotopletismografia. I parametri rilevati sono analizzati da una componente intelligente che prevede il rischio di malattie cardiovascolari.

Nuvap

Nuvap intende valutare i benefici di un sistema di prevenzione di malattie causate da inquinamento indoor nei luoghi di lavoro. Nell’ambito di questo progetto, Nuvap farà un’analisi comparativa fra 100 Pmi. L’obiettivo è quello di definire la qualità ambientale dei luoghi monitorati, elaborare un profilo di rischio e valutare l’impatto della prevenzione sulla produttività.

Pd Watch

Il PD-Watch è un dispositivo indossabile che consente di monitorare i disordini di movimento dovuti alle patologie neurodegenerative. Il PD-Watch può essere impiegato per supportare la diagnosi, monitorare il decorso della malattia e quantificare gli effetti terapeutici del piano di cura in atto.

Ricardo

Il progetto vuole sviluppare e sperimentare sul campo un sistema di telemedicina riabilitativa domiciliare. L’iniziativa è rivolta ai pazienti cardiopatici che hanno bisogno di un percorso di riabilitazione a domicilio o in ambulatorio. Il progetto prevede anche sedute programmate di esercizio fisico condotte in monitoraggio da remoto in real-time sotto controllo medico.

Timo

La piattaforma Timo (Trapianto interattivo midollo osseo) ha l’obiettivo di ottimizzare il follow-up. In particolare pazienti sottoposti a trapianto allogenico di cellule staminali o midollo osseo. L’obiettivo è ridurre le complicanze, i trattamenti e gli accessi ospedalieri inappropriati.


Tra questi dieci progetti sarà scelto il vincitore, la cui proclamazione avverrà entro la primavera del 2019.