News

La prevenzione in dieci mosse

Tremoli_Small_2

Dieci consigli tutti al femminile

8 Marzo Mar 2017 0000 5 months ago
  • Elena Tremoli

Le malattie cardiovascolari sono fatali per quasi una donna su due, eppure nel mondo femminile è ancora diffusa la convinzione che l’infarto sia un problema che riguarda soprattutto gli uomini. Ma una scarsa consapevolezza si paga a caro prezzo: un caso su tre di malattie cardiovascolari può essere prevenuto seguendo uno stile di vita sano.

"È dunque fondamentale ripartire dalla prevenzione e dalla diffusione di una nuova cultura della salute per le donne", sostiene Elena Tremoli, Direttore scientifico dell'IRCCS Centro Cardiologico Monzino. Con questo intento, il portale di informazione “Bussola Sanità” ha chiesto alla Prof.ssa Tremoli cosa devono sapere le donne che vogliono "mettere al sicuro" il proprio cuore.

Sono dieci i punti da tenere in mente, eccoli:

1. Essere informata: l’attacco di cuore non è cosa (solo) da uomini

2. Conoscere sé stessa: valutare periodicamente i valori di pressione arteriosa, colesterolo, glicemia e peso e accertare che sono nei limiti della normalità

3. Evitare di iniziare a fumare o smettere subito, anche con l’aiuto di un professionista (e mai fumare se si prende la pillola anticoncezionale)

Mani Cuore Green

4. Praticare una regolare e sufficiente attività fisica aerobica e adottare uno stile di vita attivo

5. Seguire una dieta mediterranea e limitare le calorie a quante ne servono per mantenere il peso forma

6. Tentare di affrontare i momenti di particolare stress con saggezza, cercando strumenti per rilassarsi come distrazioni, esercizi respiratori e/o pause

7. Se si ha il ciclo irregolare o particolari disturbi mestruali consultare il proprio ginecologo per escludere una policistosi ovarica

Donna Dipingecuore

8. Se si è sofferto di pressione alta o diabete durante una gravidanza, chiedere al proprio medico di monitorare il rischio cardiovascolare periodicamente e a lungo termine

9. Tentare di arrivare alla menopausa in normopeso e fisicamente attiva: si avranno meno probabilità di sviluppare problemi di ipertensione e di colesterolo alto.

10. Ascoltare il proprio corpo e chiedere rapida assistenza medica anche se si manifestano sintomi diversi dal dolore oppressivo al petto tipico dell’infarto maschile.