News

Aperto il “Monzino Women”, l’ambulatorio dedicato al cuore delle donne

Dal 14 febbraio 2017, l’ambulatorio è accessibile per le donne tra 35 e 60 anni o che presentino fattori di rischio cardiovascolare, presso il Centro Cardiologico Monzino, unico IRCCS esclusivamente cardiologico d’Italia

23 Febbraio Feb 2017 0000 one year ago

Dal 14 febbraio 2017, le donne tra 35 e 60 anni e le donne che presentino fattori che aumentano il rischio cardiovascolare come la familiarità, stili di vita scorretti quali fumo e alcol, obesità, diabete o ipertensione in gravidanza, possono accedere, su richiesta del proprio medico di Medicina Generale, a una prima visita presso il nuovo ambulatorio "Monzino Women", previo uno screening telefonico da parte di operatori del Monzino.

Medici dedicati, – la dr.ssa Daniela Trabattoni, responsabile, e il dr. Paolo Olivares, entrambi dell'UO Cardiologia Interventistica 1 del Monzino, – potranno accompagnare la donna attraverso un percorso diagnostico specifico, un vero e proprio check-up, con visita specialistica, diagnosi strumentale mirata e counselling di secondo livello, per giungere a una valutazione in prospettiva della paziente, in funzione della sua età, della sua storia precedente, dei suoi stili di vita e dei fattori di rischio cui è più esposta.

Monzino Women" riunisce le competenze super specialistiche e le tecnologie innovative già presenti nell’ospedale, e le integra con collaborazioni multidisciplinari. Oltre a cardiologo clinico, ipertensivologo, aritmologo ed emodinamista, interagiranno con noi, ove necessario, ginecologo, diabetologo, lipidologo, nutrizionista e psicologo.

Dr.ssa Daniela Trabattoni, Responsabile "Monzino Women"

L’Ambulatorio “Monzino Women”, del Centro Cardiologico Monzino, si inserisce tra le iniziative previste da un ambizioso progetto clinico, scientifico e culturale, all'interno del quale saranno avviati studi clinici che valutino l’efficacia sia di terapie già consolidate per l’uomo, ma meno applicate alla donna, sia di terapie innovative, e nuove linee di ricerca dedicate ai fattori di rischio specifici della donna.

È fondamentale che le donne acquisiscano coscienza del loro rischio cardiologico individuale, che può essere anche superiore a quello degli uomini. Basti un esempio: le donne fumatrici hanno un rischio fino a cinque volte superiore rispetto ai maschi fumatori di sviluppare danni alle loro arterie e ciò aumenta il loro rischio di infarto miocardico.

Prof.ssa Elena Tremoli, Direttore Scientifico del Monzino