News

ILUMIEN III: l’OCT per migliorare l’outcome clinico negli interventi PCI

Il primo studio randomizzato e controllato di confronto tra coronarografia, OCT e IVUS nella guida degli interventi PCI. Con la rilevante partecipazione del Monzino.

22 Novembre Nov 2016 0000 one year ago
Fabbiocchi

L'angioplastica coronarica (PCI) si effettua generalmente sotto guida angiografica. Ma la coronarografia fornisce soltanto una rappresentazione bidimensionale di quella che è una complessa struttura tridimensionale. Inoltre, è in grado di visualizzare solo dimensioni e caratteristiche del lume vasale, senza fornire informazioni riguardo alla parete vasale, in particolare sulla morfologia della placca, sul rimodellamento vascolare o sul burden di placca. Infine, l'angiografia non è in grado di identificare la presenza di eventuale sottoespansione o malapposizione dello stent o di dissezioni residue, trombi o protrusione della placca.

Tali limitazioni sono in parte superabili grazie all’ecografia intravascolare (IVUS), che permette di visualizzare la parete del vaso in sezione trasversa. Rispetto alla guida angiografica, l’eco-guida ha dimostrato di ridurre gli eventi avversi cardiovascolari maggiori (MACE). Per diversi motivi tuttavia, nonostante questi dati e le raccomandazioni delle Linee guida, tale approccio è raramente utilizzato nella maggior parte dei paesi.

La tomografia a coerenza ottica (OCT) è una tecnologia di imaging intravascolare di recente introduzione, che fornisce una rapida acquisizione di immagini a una risoluzione più elevata rispetto alla IVUS (10-20 µ).

Nelle sale di emodinamica del Centro Cardiologico Monzino, – ricorda il Dr. Franco Fabbiocchi, Responsabile UO Cardiologia Interventistica 4 del Monzino. – è installato dal 2015 il sistema OCT ST Jude Optis Integrated, che combina la coronarografia con le immagini intravascolari OCT ad alta definizione, in grado di ottenere immagini con una risoluzione a livello cellulare”.

Sono stati appena pubblicati su The Lancet i risultati di uno studio, – "ILUMIEN III: OPTIMIZE PCI", – che aveva per obiettivo la valutazione di una nuova strategia OCT per il corretto dimensionamento dello stent, basata sulla misurazione della lamina elastica esterna (EEL). Lo studio, a cui ha partecipato il Monzino, metteva a confronto le prestazioni dell’imaging OCT con quelle della IVUS e della coronarografia nella guida dei PCI. Nel periodo compreso tra maggio 2015 e aprile 2016, sono stati arruolati 450 pazienti (in 29 ospedali di otto diversi paesi), randomizzati in modo casuale a ricevere un intervento coronarico percutaneo, rispettivamente OCT-guidato (35%); IVUS-guidato (32%) e angio-guidato (32%).

L'endpoint primario di efficacia era l'area minima luminale intra-stent (MSA) (un’area minima dello stent più piccola è predittore indipendente di restenosi), valutata con OCT in ogni braccio randomizzato.

Si tratta del primo studio randomizzato e controllato che confronti la coronarografia con la OCT e la IVUS per la guida degli interventi PCI, con criteri di inclusione tali da essere universalmente rappresentativi della pratica clinica in cardiologia interventistica. Va ricordato che il primo paziente europeo dello studio è stato arruolato nel maggio 2015 proprio al Monzino, che è stato leader nel reclutamento arruolando complessivamente 65 pazienti.

Franco Fabbiocchi

Lo studio supporta l'opinione prevalente che la guida integrata (con IVUS o OCT) conferisca vantaggi rispetto alla sola guida coronarografica. In particolare, la guida OCT, – con la strategia di ottimizzazione descritta, – è superiore alla guida angiografica per l'espansione dello stent, non è inferiore alla guida IVUS per il raggiungimento dell’area minima dello stent, e garantisce un minor numero di dissezioni maggiori non trattate e di malposizionamenti.

I benefici sugli outcome clinici della strategia di ottimizzazione dello stent descritta nello studio ILUMIEN III saranno presto verificati in un prossimo studio internazionale su larga scala: l’ILUMIEN IV”.

Riferimenti

  1. Ali ZA, Maehara A, Généreux P, Shlofmitz RA, Fabbiocchi F, Nazif TM, Guagliumi G, Meraj PM, Alfonso F, Samady H, Akasaka T, Carlson EB, Leesar MA, Matsumura M, Ozan MO, Mintz GS, Ben-Yehuda O, Stone GW, for the ILUMIEN III: OPTIMIZE PCI Investigators. Optical coherence tomography compared with intravascular ultrasound and with angiography to guide coronary stent implantation (ILUMIEN III: OPTIMIZE PCI): a randomised controlled trial. Lancet. 2016 Oct 30. pii: S0140-6736(16)31922-5. doi: 10.1016/S0140-6736(16)31922-5. [Epub ahead of print]
  2. Wijns W, Shite J, Jones MR, Lee SW, Price MJ, Fabbiocchi F, Barbato E, Akasaka T, Bezerra H, Holmes D. Optical coherence tomography imaging during percutaneous coronary intervention impacts physician decision-making: ILUMIEN I study. Eur Heart J. 2015 Aug 4. pii: ehv367. [Epub ahead of print]


LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DEL MONZINO