News

Insufficienza venosa, meglio giocare d'anticipo

Dainese

Spiega il perchè Luca Dainese, dell’Unità di Chirurgia Vascolare ed Endovascolare

28 Settembre Set 2016 0800 2 months ago

Disturbo molto frequente, soprattutto fra le donne, l'insufficienza venosa delle gambe può manifestarsi con caviglie gonfie, crampi ai polpacci, pesantezza delle gambe, prurito, formicolio, vene varicose. Nei casi più gravi possono insorgere anche ulcere cutanee.

La gravità dei sintomi 
varia da persona a persona in base alla severità della malattia, che comporta una difficoltà della circolazione, per cui dagli arti inferiori il flusso sanguigno torna al cuore con difficoltà.

Diverse condizioni predispongono all'insorgenza della malattia venosa. Se da un lato la familiarità ha un ruolo, anche il sovrappeso, lavorare per molte ore al giorno in piedi, la sedentarietà, il fumo, l'assunzione di sostanze ormonali, la stipsi cronica, l’indossare scarpe molto alte e strette, contribuiscono a far sì che le vene perdano la loro elasticità e si dilatino, diventando varicose. Il sangue tende quindi a ristagnare nelle gambe provocando gonfiore, prurito, senso di pesantezza, formicolii, dolori e crampi.

Dott. Luca Dainese

Questi segnali possono manifestarsi in ogni periodo dell'anno, ma in genere diventano più pronunciati durante i mesi estivi perché l’aumento della temperatura favorisce la dilatazione delle vene. Ecco perché in estate consigliamo di non esporsi troppo al sole e proteggersi con creme adeguate.

Inizialmente considerate solo per il loro impatto estetico, le prime avvisaglie di una malattia venosa spesso vengono trascurate. Di solito ci si rivolge al medico quando si hanno le gambe già molto gonfie e si avverte dolore, oppure quando ci si spaventa per la presenza di vistose vene varicose, temendo possano rompersi. Sarebbe opportuno invece “giocare d’anticipo”: la prevenzione di questo disturbo infatti è fondamentale per attenuarlo o ritardarne la comparsa.

Dott. Luca Dainese

É estremamente importante dunque evitare di stare fermi in piedi per lunghi periodi di tempo, favorire l’attività fisica, tenere sotto controllo il peso ed evitare il fumo, indossare scarpe comode con tacco di 2-3 centimetri, a pianta larga, evitando ciabatte e zoccoli. Se indicato, inoltre, è utilissimo indossare calze elastiche: la pressione graduata che la calza esercita sulla gamba aiuta a prevenire o migliorare la malattia venosa.

E quando si iniziano a manifestare capillari o varici, è bene sottoporsi a una visita specialistica vascolare per individuare eventuali sintomi e segnali dell'insufficienza venosa delle gambe. In tal modo sarà possibile intervenire precocemente e attuare terapie mirate che permettano di preservare la salute delle vene, evitando temibili complicanze e fastidi che possono compromettere la qualità della vita.